DISPOSIZIONI ANTICIPATE DI TRATTAMENTO (DAT)

Descrizione del Procedimento e riferimenti normativi utili

Data di pubblicazione:
01 Maggio 2021

Ogni persona maggiorenne e capace di intendere e volere, in previsione di un’eventuale futura incapacità di autodeterminarsi e dopo aver acquisito adeguate informazioni mediche sulle conseguenze delle sue scelte, può, attraverso le DAT- dichiarazioni anticipate di trattamento - esprimere le proprie volontà in materia di trattamenti sanitari, nonché il consenso o il rifiuto rispetto ad accertamenti diagnostici o scelte terapeutiche e a singoli trattamenti sanitari.

Le DAT possono essere redatte:

- per atto pubblico notarile;

- per scrittura privata autenticata;

- per scrittura privata consegnata presso le strutture sanitarie che abbiano adottato modalità telematiche di gestione della

cartella clinica o il fascicolo sanitario elettronico o altre modalità informatiche di gestione dei dati del singolo iscritto al Servizio sanitario nazionale;

- per scrittura privata semplice consegnata personalmente dal disponente presso l’ufficio dello Stato Civile del Comune di residenza.

In quest’ultimo caso le DAT vengono registrate e conservate a cura dell’Ufficio di Stato Civile oltreché trasmesse, in caso di specifico assenso da parte del disponente, alla Banca Dati Nazionale appositamente istituita, unitamente alle informazioni necessarie all’aggiornamento della banca dati stessa.

La banca dati Dat, istituita con la Legge di Bilancio 2018, ha la funzione di raccogliere informazioni oltreché copia delle disposizioni anticipate di trattamento, garantirne il tempestivo aggiornamento in caso di rinnovo, modifica o revoca, assicurare la piena accessibilità delle DAT sia da parte del medico che ha in cura il paziente, in situazioni di incapacità di autodeterminarsi, sia da parte del disponente che del fiduciario eventualmente da lui nominato.

Le copie delle Dat depositate prima del 1/02/2020, acquisite alla Banca dati nazionale entro il 31/07/2020, poiché prive di esplicito consenso del disponente, potranno, su richiesta dello stesso disponente, essere cancellate con le modalità previste dall'informativa rese ai sensi degli artt.13 e 14 del GDPR 2016/679 per il trattamento dei dati raccolti nella Banca dati nazionale per le Dat.

L’Ufficiale di Stato Civile non partecipa alla redazione delle D.A.T., non presta assistenza, né è tenuto a dare informazioni circa la redazione della stessa, dovendosi limitare a verificare i presupposti della consegna con particolare riguardo all’identità, alla residenza del disponente, alla presenza delle sottoscrizioni e dei consensi richiesti e a riceverla.

Con le medesime forme le D.A.T. sono rinnovabili, modificabili e revocabili in ogni momento.

La legge ha previsto inoltre la facoltà, da parte del disponente, di indicare altresì una persona di sua fiducia, maggiorenne e capace di intendere e volere, cosiddetto “fiduciario”, che ne faccia le veci e lo rappresenti nelle relazioni con il medico e le strutture sanitarie.  E’ a carico del disponente rilasciare al fiduciario copia delle D.A.T.

Il fiduciario dovrà espressamente accettare tale nomina o attraverso la sottoscrizione delle D.A.T. o con atto successivo allegato. In assenza di esplicita accettazione, la nomina non produce effetti.

Il fiduciario può inoltre essere revocato dal disponente in qualsiasi momento, con le stesse modalità previste per la nomina e senza obbligo di motivazione, ovvero può rinunciare alla nomina con atto scritto da comunicare al disponente. Nel caso in cui le D.A.T. non contengano l'indicazione del fiduciario o questi vi abbia rinunciato o sia deceduto o divenuto incapace, le stesse mantengono efficacia in merito alle volontà espresse del disponente. In caso di necessità, il Giudice Tutelare provvede alla nomina di un amministratore di sostegno che svolga i medesimi compiti.

Le D.A.T. sono esenti da qualsiasi tipo di imposta (di registro, di bollo), tassa o diritto.

 

RIFERIMENTI NORMATIVI UTILI

Legge 22 dicembre 2017, n.219 “Norme in materia di consenso informato e di disposizioni anticipate di trattamento.” 

Legge 27 dicembre 2017, n. 205 (art.1 commi 418 e 419)

Decreto Ministero della Salute 10 dicembre 2019, n. 168 s.m.i.

GDPR n. 2016/679, articoli 13 e 14 (trattamento dei dati raccolti nella Banca dati nazionali per le DAT)

Circolari Ministero dell’Interno Direzione Centrale per i servizi demografici n. 1/2018 e 2/2020

 

UNITÀ ORGANIZZATIVA RESPONSABILE DELL’ISTRUTTORIA

Servizio Autonomo Servizi al Cittadino e alle Imprese

 

RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO

Responsabile del procedimento è l’ufficiale dello stato civile di volta in volta assegnatario della pratica.

E-mail: info@comune.mondovi.cn.it - PEC: comune.mondovi@postecert.it

Tel.: 0174/559913 - 233 – Fax: 0174/559232

 

MODALITÀ DI AVVIO, MODULISTICA E ALLEGATI

Per avviare la procedura presso il Comune di Mondovì, occorre presentarsi personalmente presso lo Sportello Unico Polivalente, previo appuntamento, munito di un valido documento di identità al fine di consegnare all’ufficiale di stato civile l’originale delle proprie disposizioni anticipate di trattamento unitamente all’apposito modulo M-SC020 "Dichiarazione sostitutiva dell’atto di notorietà di consegna disposizioni anticipate di trattamento”.

La dichiarazione sostitutiva della consegna D.A.T. potrà essere preventivamente compilata dal disponente ma andrà sottoscritta dallo stesso in presenza dell’ufficiale di stato civile al momento della consegna.

Il plico dovrà contenere, oltre alle D.A.T., copia fotostatica di un valido documento d’identità proprio e, qualora designato, anche del fiduciario.

 

L’eventuale designazione del fiduciario potrà avvenire o contestualmente al deposito della D.A.T. o in un momento successivo presentando all’uopo la relativa modulistica, utilizzabile anche nel caso di revoca del fiduciario M-SC021 "Dichiarazione sostitutiva dell’atto di notorietà di nomina/revoca del fiduciario".

 

Il fiduciario potrà accettare tale nomina, oltreché sottoscrivendo la D.A.T., con atto separato anche successivo presentando l’apposita modulistica M-SC019 "Dichiarazione sostitutiva dell’atto di notorietà di accettazione/rinuncia nomina da parte del fiduciario". Lo stesso modulo può essere inoltre utilizzabile nel caso di rinuncia alla nomina.

 

Qualora designato è obbligatorio acquisire il consenso al trattamento dati anche da parte del fiduciario. Tale consenso potrà essere espresso direttamente nel modulo di consegna della D.A.T. sottoscrivendolo nell’apposita sezione a ciò dedicata ovvero all’interno della D.A.T. ovvero all’interno del modulo di accettazione nomina.

 

Analoga procedura è prevista nei casi di revoca della D.A.T. modulo M-SC022 "Dichiarazione sostitutiva dell’atto di notorietà di revoca disposizioni di trattamento". Il Disponente può inoltre modificare la propria D.A.T.  in qualunque momento: ciò sarà possibile a seguito del ritiro della Dat precedentemente consegnata e riconsegna della nuova disposizione seguendo la stessa procedura iniziale.

 

La modulistica e l’informativa ai sensi del Regolamento UE 2016/679 sulla privacy, sono reperibili sul sito istituzionale dell’ente o presso l’Ufficio di Stato Civile – Sportello Unico Polivalente – C.so Statuto 15 – 12084 Mondovì.

 

MODALITÀ DI OTTENIMENTO DI INFORMAZIONI SUI PROCEDIMENTI IN CORSO DA PARTE DEI SOGGETTI INTERESSATI

Richiesta telefonica o tramite e-mail al responsabile del procedimento.

 

TERMINI DI CONCLUSIONE DEL PROCEDIMENTO

Acquisita la documentazione necessaria e verificatane la regolarità, l’ufficiale di stato civile - responsabile del procedimento – provvede alla raccolta della disposizione anticipata di trattamento e alla contestuale trasmissione dei dati alla Banca Dati Nazionale presso il Ministero, oltreché di copia della DAT, ove il disponente abbia espresso il consenso alla trasmissione della stessa.

Al disponente viene rilasciata dall’ufficiale di stato civile ricevuta dell’avvenuto deposito delle D.A.T.

Qualora inoltre lo stesso abbia espresso oltre al consenso alla trasmissione anche alla ricezione della notifica, riceverà una comunicazione via email dell’avvenuta registrazione delle proprie D.A.T. nella banca dati nazionale.

 

STRUMENTI DI TUTELA AMMINISTRATIVA E GIURISDIZIONALE

In caso di silenzio dell’amministrazione, l’interessato può rivolgersi al soggetto cui è attribuito il potere sostitutivo (vedi oltre) ovvero agire in via giurisdizionale chiedendo l’accertamento dell’obbligo di provvedere, ai sensi dell’art. 31 del codice del processo amministrativo; l’azione può essere proposta fintanto che perdura l’inadempimento e, comunque, non oltre un anno dalla scadenza del termine di conclusione del procedimento.

 

SERVIZIO ON LINE

Il disponente che abbia acconsentito alla trasmissione delle proprie disposizioni anticipate di trattamento alla banca dati nazionale, il fiduciario eventualmente da lui nominato, nonché il medico che ha in cura il disponente in situazioni di incapacità di autodeterminarsi ed è chiamato ad effettuare accertamenti diagnostici, scelte terapeutiche o eseguire trattamenti sanitari sul disponente, possono accedere ai servizi di consultazione delle DAT registrate alla Banca dati nazionale, attraverso autenticazione SPID, CNS o CIE, al seguente link https://dat.salute.gov.it/dat_spid_login.

 

ONERI E PAGAMENTI, MODALITÀ DI EFFETTUAZIONE

Le DAT sono esenti dall’obbligo di registrazione, dall’imposta di bollo e da qualsiasi altro tributo, imposta, diritto e tassa.

 

SOGGETTO A CUI È ATTRIBUITO IL POTERE SOSTITUTIVO IN CASO DI INERZIA

Nel caso di mancata conclusione del procedimento, l’interessato può rivolgersi al Responsabile del Servizio Autonomo Servizi al Cittadino e alle Imprese perché concluda il procedimento attraverso la struttura competente.

Ultimo aggiornamento

Sabato 01 Maggio 2021