La Regione dichiara lo stato di massima pericolosità per gli incendi boschivi

La misura sarà operativa dal 16 gennaio sino alla revoca dell'emergenza

Data di pubblicazione:
17 Gennaio 2022
Immagine non trovata

A partire da domenica 16 gennaio e sino alla revoca dell’emergenza, la Regione ha dichiarato lo stato di massima pericolosità per gli incendi boschivi su tutto il territorio piemontese.

Per tutto il periodo, come previsto dalla legge regionale n. 15/2018, “sono vietate, entro una distanza di cento metri dai terreni boscati, arbustivi e pascolivi, le azioni determinanti anche solo potenzialmente l’innesco di incendio, quali: accendere fuochi, accendere fuochi pirotecnici, far brillare mine, usare apparecchi a fiamma o elettrici per tagliare metalli, usare apparati o apparecchiature che producano faville o brace, fumare, disperdere mozziconi o fiammiferi accesi, lasciare veicoli a motore incustoditi a contatto con materiale vegetale combustibile o compiere ogni altra operazione che possa creare comunque pericolo mediato o immediato di incendio; è vietata qualunque generazione di fiamma libera non controllabile nel tempo e nello spazio”.

Le violazioni dei divieti e l’inosservanza delle prescrizioni comportano l’applicazione di sanzioni amministrative da un minimo di euro 200 a un massimo di euro 2.000, oltre alle sanzioni penali.

Si ricorda che la sospensione dello stato di massima pericolosità sarà stabilita della Regione Piemonte nel momento in cui verranno meno le condizioni meteorologiche di rischio.

Info sul sito della Regione (www.regione.piemonte.it) o chiamando gli uffici della Polizia Municipale allo 0174.559205.

Ultimo aggiornamento

Mercoledi 27 Aprile 2022