“M’illumino di meno”: si spegne la torre del Belvedere

Venerdì 1 marzo anche Mondovì aderisce alla giornata dedicata all’economia circolare

Data:
01 Marzo 2019

Anche la Città di Mondovì aderisce alla giornata del risparmio energetico e degli stili di vita sostenibili. Era il 2005 quando la trasmissione “Caterpillar” e “Radio 2” lanciarono la prima edizione di “M’illumino di meno”, che in quindici anni è arrivato a coinvolgere centinaia di piazze italiane e monumenti d’Europa (si sono spenti, per l’iniziativa, la “Tour Eiffel”, il “Foreign Office” e la Ruota del “Prater” di Vienna). Questa volta la giornata – in programma per la sera di venerdì 1° marzo – è dedicata all’economia circolare, all’imperativo di riutilizzare i materiali, ridurre gli sprechi e allontanare "il fine vita" delle cose.

Mondovì, per l’occasione, spegnerà i riflettori sul suo monumento-simbolo, la torre del Belvedere, che segna indelebilmente il profilo della collina di Piazza.

Una scelta che si aggiunge a numerose altre iniziative. Proprio questa settimana, su indicazione dell’assessore all’ambiente Erika Chiecchio, i bambini dello “Zecchino Moro” hanno cantato la “Canzone circolare” di “Elio e le storie tese”. Alcuni membri del disciolto gruppo musicale (Elio, “Faso” e “Cesareo”) hanno contribuito allo spettacolo dei giovani cantanti monregalesi con un video messaggio benaugurale.

Molti, infine, i progetti di “economia circolare” e di risparmio energetico che la Città di Mondovì sta portando avanti: dall’introduzione della tariffazione puntuale all’installazione di una colonnina per auto elettrica, fino agli interventi di efficientamento energetico in programma (a cominciare da quello sulla piscina comunale).

Ultimo aggiornamento

Sabato 07 Novembre 2020