Al via la “Fase 2” del progetto sperimentale di ricerca per il riciclo delle mascherine

Raccolti 15 kg di mascherine usa e getta. Saranno onsegnate al Politecnico che avvierà la sperimentazione sulla loro trasformazione

Data di pubblicazione:
14 Marzo 2022
Al via la “Fase 2” del progetto sperimentale di ricerca per il riciclo delle mascherine

Entra nel vivo il progetto sperimentale di ricerca per il riciclo delle mascherine chirurgiche usa e getta lanciato, lo scorso giugno, dal Circolo delle Idee. Dopo la distribuzione dei contenitori per la raccolta - avvenuta il 4 febbraio - nelle scuole, sedi comunali e nelle aziende del territorio che hanno aderito al progetto, lunedì 14 marzo è stato effettuato il giro di recupero alla presenza delle volontarie del servizio civile che hanno coordinato il progetto, Monica e Fatima, e dei rappresentati del Circolo delle Idee.

Obiettivo centrato: sono stati raccolti 15 kg di mascherine che, dopo l’igienizzazione, saranno consegnate al Politecnico di Alessandria (Dipartimento di scienze applicate) che le trasformerà in nuovi oggetti o piccoli giocattoli.

Il progetto ha coinvolto, oltre al Politecnico, il Comune di Mondovì che lo ha sostenuto con un finanziamento di 25.000 euro, la Cooperativa Proteo che si è occupata della distribuzione dei contenitori e della raccolta e la Green Life che provvederà a sterilizzarle. Mercoledì 16 marzo Proteo ritirerà le mascherine igienizzate e le porterà al Politecnico per la lavorazione.

In tutto sono stati consegnati 33 bidoni per la raccolta da 20, 30 e 80 litri. Una decina le scuole coinvolte: l’elementare del Ferrone (2 contenitori), A.Frank (1 contenitore), Cordero (2), l’Istituto Superiore Cigna (2), l’Istituto professionale Garelli (1), l’Istituto Tecnico Baruffi (1), la scuola media Gallo (1), il Liceo Vasco Beccaria Govone (2), l’Istituto professionale Cfp (2) a cui si aggiungono il Municipio (2), il Comando di Polizia Locale (1), le ditte Raicam (1 + sacchi), Valeo (5), Valeo (2) e la Banca Ifis (2).

In un video prodotto dal Circolo delle Idee, l’ingegnere Daniele Battegazzore e il prof. Alberto Frache del Politecnico, spiegano il processo di recupero, gli step di lavorazione e i risultati che possono essere ottenuti attraverso l’estrusione del materiale recuperato e con cui è possibile creare piccoli oggetti di plastica e giocattoli.

Come nasce il progetto

Tutto inizia da un piccolo gesto che possiamo fare tutti, che non costa nulla ma che può essere molto importante per l’ambiente. Durante il primo lockdown ci si è resi conto della grande quantità di mascherine usa e getta che venivano buttate nei comuni contenitori dell'indifferenziato e delle problematiche ambientali e di smaltimento ad esse connesse. Da qui la volontà di recuperarle con il progetto "Recimask"

Gli step di lavorazione

  • La raccolta differenziata
  • La macinazione
  • L’estrusione
  • La stampa dell’oggetto in 3D

Il processo parte dalla sanificazione della mascherina, che viene privata degli elastici e della striscia superiore che ha all’interno una barretta di metallo. il tutto viene poi macinato e lavorato all’interno di un estrusore fino a ottenere dei granuli che possono essere stampati così da ottenere oggetti utili oppure possono essere estrosi in un filo continuo, per poi ottener oggetti tridimensionali tramite lo stampaggio 3D.

Ultimo aggiornamento

Sabato 06 Agosto 2022